Home » Ultime Notizie » Milano, 30 aprile 2012 ore 13:26 - Invito allo Sciopero di 24 ore

Milano, 30 aprile 2012 ore 13:26 - Invito allo Sciopero di 24 ore

INVITO ALLO SCIOPERO DI 24 ORE DEL 4 MAGGIO 2012

Contro le intenzioni dichiarate della Giunta Pisapia di vendere altre quote della SEA, riducendo il pacchetto azionario in mano al Comune di Milano, come Segreterie Regionali UGL-FLAI-USB abbiamo indetto, sugli scali di Linate e Malpensa, uno sciopero di 24 ore per il 4 maggio 2012 dalle ore 00.00 alle 24.00, assicurando la franchigia delle fasce orarie dalle 07.00 alle 10.00 del mattino e dalle 18.00 alle 21.00 della sera.

Tutti i lavoratori SEA Spa e SEA Handling possono aderire allo sciopero, resosi indispensabile per le posizioni intransigenti della Giunta Pisapia, che dimostra di non ascoltare le giuste ragioni da noi sostenute per il mantenimento della maggioranza assoluta in mano pubblica.

Invitiamo i lavoratori a non abdicare al loro diritto di lottare, partecipando alla mobilitazione e allo sciopero per difendere la SEA, bene della collettività, dal potere finanziario che vuole appropriarsi delle infrastrutture aeroportuali milanesi, costruite e sviluppate da loro stessi nel corso di 60 anni.

Visto che Le OO.SS. Cgil-Cisl-Uil, dopo lo sciopero del 27.3.2012, non hanno dato più continuità all’azione di lotta e hanno, di fatto, lasciato i lavoratori da soli, affidandoli alla buona sorte, come Organizzazioni Sindacali UGL-FLAI-USB riteniamo fondamentale contrastare questa sorta di dittatura finanziaria, che mira ad appropriarsi della SEA per sfruttare, dal punto di vista economico e finanziario, le condizioni di monopolio dei nostri assetti industriali. L’ultima ipotesi condivisa da Cgil-Cisl-Uil, quella di quotare in borsa solo un 30%, dopo lo scambio di quote con la Provincia, per lasciare al Comune di Milano un pacchetto di maggioranza relativa (38%), che dovrebbe garantire la Governance è, a nostro avviso, una proposta perdente, che non garantisce né il valore pubblico (sociale-economico) della SEA, né il futuro dei lavoratori (già si parla di ridurre del 20% la forza lavoro presente nel Gruppo SEA) e rischiano di essere impoveriti ed emarginati dal perimetro aziendale.

Un chiaro esempio di cosa potrebbe accadere è l’esperienza Adr, negativa sotto tutti gli aspetti, sia perché ha creato inefficienza negli aeroporti e nel territorio, sia perché ha prodotto la frantumazione del lavoro a tutti i livelli.

Siamo di fronte ad una prospettiva negativa di declino sia rispetto alla stabilità del posto di lavoro, che rispetto alle aspirazioni dei dipendenti di crescita professionale e di emancipazione sociale. Già da qualche tempo si stanno perdendo le certezze di un modello industriale, in cui siano messe al centro le persone e l’importanza di dar loro un futuro lavorativo dignitoso.

Siamo convinti che, in questo momento difficile, l’unica cosa che i lavoratori devono temere è la rassegnazione di fronte alle scelte della Giunta Pisapia, perché tali scelte, in democrazia, possono essere criticate, combattute e modificate alla luce di nuove valutazioni che possono essere fatte sulla base di argomentazioni, posizioni dialettiche e di lotte a contrasto.

Per queste ragioni come lavoratori, abbiamo il diritto-dovere di lottare e di svolgere, anche con lo sciopero, un’azione politica importante.

Milano, 30 aprile 2012



Segreterie Regionali/Territoriali
UGL Trasporto Aereo  FLAI Trasporti e Servizi   USB Lavoro Privato

PATRONATO

PATRONATO - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Linate

CAF Linate - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Malpensa

CAF Malpensa - FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi