Home » Ultime Notizie » Milano, 27 settembre 2013 - SEA -

Milano, 27 settembre 2013 - SEA -

Milano, 27 settembre 2013 - SEA - - FLAI Trasporti e Servizi

Comunicato ai lavoratori

Incontro con SEA del 27/09/2013 

Oggi si è tenuto il previsto incontro tra tutte le OO.SS. e la RSU Sea Handling e Sea Spa con l’Azienda, alla presenza del Presidente di Sea, Modiano, e di Sea Handling, Lecaldano.

La riunione è avvenuta ad alcuni giorni dal pronunciamento del Consiglio di Stato che, su istanza del Governo, ha sostanzialmente rigettato la Sentenza del Tar Lombardia. Quest’ultimo, sulla base di un ricorso presentato dal Comune di Milano, aveva di fatto sospeso la sanzione europea, permettendo di chiudere il bilancio 2012 di Sea Handling, senza appostare i 450 milioni di euro, evitando così il fallimento.

L’Azienda:

  1. Ha dichiarato che dopo la sentenza del Consiglio di Stato è necessario concludere il confronto aperto con la Commissione Europea al fine di trovare una alternativa al pagamento monetario della sanzione;
  2. Ha comunicato che l’alternativa possibile passerebbe da :
    1. Cessazione di Sea Handling;
    2. Costituzione di una nuovs società di handling controllata al 100% Sea (per altro già costituita e di nome Ital Handling) la quale dovrà riconquistare i contratti con i vettori in competizione con gli altri soggetti e farne di nuovi;
    3. Il passaggio dei lavoratori alla nuova società sulla base del numero di contratti con le compagnie aeree e del conseguente fatturato;

Tale nuova società dovrà avere una sua sostenibilità economica;

  1. Tale percorso sarà certificato dalla Commissione in due fasi differenti:
    1. Una prenotifica all’atto di sottoscrizione di un verbale di accordo con le OO.SS. che certifichi la nascita e il percorso di gestione della nuova società di handling;
    2. Una notifica finale (con la conseguente chiusura della procedura di infrazione), non appena verificate le condizioni di sostenibilità economica del nuovo soggetto;
  2. Ha ulteriormente ribadito la condizione economica drammatica di Sea H, legata alle condizioni del mercato e alle generale situazione del Paese, che senza le opportune correzioni porterebbe al sicuro fallimento a Giugno del 2014  anche senza dover pagare la sanzione Europea;

Le OO.SS.:

  1. Hanno ribadito l’importanza che il ricorso al tar ha avuto, permettendo la sopravvivenza di Sea Handling sino ad oggi;
  2. Ritengono prioritario definire al più presto una soluzione negoziale con la Commissione europea che abbia le seguenti caratteristiche:
  3. Chiusura definitiva della vicenda, permettendo ad azienda e lavoratori di aver un quadro certo per il futuro;
  4. Totale salvaguardia occupazionale dei lavoratori del Gruppo Sea;
  5. Mantenimento dell’attività di Handling in un’unica società all’interno del gruppo Sea, salvaguardando la dimensione industriale di gruppo, quale vero elemento di garanzia di qualità del lavoro e del servizio;

Le OO.SS. hanno dichiarato inoltre il loro impegno nel chiedere al Governo di sostenere, con tutto il peso necessario, una soluzione di questo tipo.

  1. Dichiarato la loro disponibilità, nel quadro di una soluzione complessiva che abbia tutte le caratteristiche sopra evidenziate, a proseguire nell’opera di risanamento dell’Handling, secondo le linee già concordate da tutte le OO.SS. con l’accordo del 2008;
  2. Valuteranno la soluzione oggi enunciata dalla Azienda, secondo i parametri sopra esposti, non appena sarà pienamente formalizzata. In particolare sin da subito si sottolinea:
    1. L’interesse verso il percorso intrapreso che supera le tante  rigidità della Commissione, scongiurando l’ipotesi di spezzettamento della Società o di liquidazione della stessa;
    2. La necessità di conoscere al più presto il piano della nuova azienda, che dovrà essere capace di riacquisire i contratti con le compagnie aeree , con un management e una strategia di mercato incisivi ed in grado di prospettare lo sviluppo  futuro delle attività aziendali.
  3. Ritengono la compattezza della proprietà rispetto alla strategia scelta, condizione imprescindibile rispetto a qualsiasi ipotesi  di accordo sindacale;

Le parti si sono impegnate a concordare, entro il mese di Ottobre, un protocollo che definisca tempi, percorsi, modalità e strumenti di gestione di questa fase complessa.

Le OO.SS. definiranno nei prossimi giorni una adeguata campagna di informazione nei confronti dei lavoratori.

  

Segreterie Regionali Lombardia