Home » Ultime Notizie » Milano, 26 gennaio 2013

Milano, 26 gennaio 2013

Milano, 26 gennaio 2013 - FLAI Trasporti e Servizi

Agenda FLAI per una SEA equa, capace di generare sviluppo e occupazione riportando sobrietà e partecipazione nella conduzione del Gruppo SEA, Handling e Gestore.

Alla luce dei recenti fatti accaduti in piazzale, riteniamo il documento a firma dei componenti delle RSU di Linate dal titolo “ Quando le regole vanno a corrente alternata” una realistica base di discussione e di approfondimento tra i rappresentanti dei lavoratori e l’Azienda.

Il rispetto delle regole deve avvenire sempre e deve essere osservato da tutti, a qualunque livello, soprattutto da chi ricopre ruoli di responsabilità e deve perciò tenere un comportamento esemplare da tutti i punti di vista. Solo a titolo esemplificativo citiamo il mancato rispetto del divieto di fumo sui luoghi di lavoro oppure il comportamento da tenere nel caso di inefficienza dei mezzi.

I principi di equità e sobrietà nella conduzione del Gruppo S.E.A. spingono la nostra organizzazione ad affermare che non si possono chiedere sacrifici solo ai lavoratori e nello stesso tempo accettare gli esorbitanti compensi dei manager (milioni di euro !) fuori da ogni logica terrena e non sopportabili eticamente ed economicamente.

Relazioni industriali funzionali devono avvenire nell’ottica e obiettivo comune di preservare il Gruppo S.E.A., Gestore e Handling, al fine di trasformare l’impresa in una una comunione di scopo in cui siano garantiti i fattori principali: lo sviluppo, l’efficienza e l’equità come giustizia sociale.

La valorizzazione del capitale umano è il bene principale di ogni azienda, costruito nel gruppo S.E.A. da generazioni di lavoratori che con sacrificio hanno costruito un modello vincente, solidale, di aiuto reciproco, di aggregazione e complicità. La FLAI non rinuncerà a niente di tutto questo, perché ogni pezzo arriva dalla fatica e dalla storia di molti lavoratori che hanno costruito la S.E.A.

Politiche sterili di liberismo del lavoro dettate dall’Europa applicate nella maggior parte degli scali europei dalle società di Handling vanno combattute e abrogate, in quanto la tenuta d’impresa si regge sulla capacità di distribuire i profitti con equità tra tutti i lavoratori e non nell’ingordigia di chi pensa di rompere questo equilibrio.

Riportiamo le segnalazioni che ci arrivano dai lavoratori del piazzale di Linate e Malpensa, al fine di sintetizzare il clima di lavoro che stiamo vivendo e le aspettative che i lavoratori hanno nonostante il disagio che vivono quotidianamente: “Ogni management, ogni riorganizzazione porta via, sposta, cancella persone che per noi rappresentano conoscenza, passione, amicizia e collaborazione. Il 2013 è appena iniziato, da noi della FLAI un caloroso augurio e un grosso incitamento a dare il meglio di noi stessi, opponendoci con tutte le forze ai processi negativi generati dalla ristrutturazione che si vogliono scaricare solo sui lavoratori. Uniamoci, facciamo gruppo ripristinando quella solidarietà e quel senso dell’altro che in passato erano il nostro punto di forza”.

Auspichiamo il dialogo a tutti i livelli, dalla base al vertice, perché solo dal confronto democratico e leale possono scaturire rapporti sindacali di cooperazione capaci di trovare soluzioni ai problemi e di raggiungere obiettivi condivisi. Allo stato, il dialogo e il confronto sono carenti. Continuano nonostante il perdurare della crisi le assunzioni dall’esterno bloccando la mobilità interna necessaria all’efficienza aziendale.

Ricordiamo che presso la FLAI è attivo il “Punto di Ascolto” rivolto a tutte le donne che lavorano nel sedime aeroportuale e che sono vittime di molestie sessuali.

Linate - Malpensa, 26 gennaio 2013

Segreteria Regionale / Coordinamenti Territoriali Linate e Malpensa

F.L.A.I. Trasporti e Servizi

PATRONATO

PATRONATO - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Linate

CAF Linate - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Malpensa

CAF Malpensa - FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi