Home » Ultime Notizie » Milano, 22 ottobre 2012

Milano, 22 ottobre 2012

Milano, 22 ottobre 2012 - FLAI Trasporti e Servizi

La Borsa, la SEA e il dito medio di Cattelan

Riportiamo un fatto che all’apparenza sembra non avere nessuna relazione con le vicende della SEA ma in realtà offre la possibilità di riflettere sulla confusione politica generata dalla sua quotazione.

Nella serata di venerdì scorso in Piazza degli Affari si è svolta una festa per celebrare la decisione di mantenere l’opera dell’artista Maurizio Cattelan intitolata L.O.V.E. di fronte alla sede della Borsa per i prossimi quaranta anni.

La scultura, in marmo e alta 11 metri, consiste in un una mano che mostra il dito medio rivolto verso l’istituzione finanziaria ed è collocata in quella sede già da un paio di anni. L’amministrazione Moratti decise, infatti, che qui sarebbe rimasta fino a settembre 2012. Ciò provocò la forte irritazione della CONSOB.

Si tratta di un’opera site-specific che lo stesso autore ha chiesto, in cambio della donazione, che rimanesse in quel posto perché altrove non avrebbe lo stesso valore simbolico.

Il significato del gesto è inequivocabile e non si prestano a eventuali altre interpretazioni se non quella più logica di forte e chiaro segnale di disprezzo verso quel luogo che ha generato, insieme alle altre Borse del mondo, la crisi finanziaria che tutti viviamo e conosciamo.

Fino a qui tutto bene. L’arte, si sa, serve anche a stimolare il fruitore alla comprensione del mondo che lo circonda.

La confusione nasce quando si apprende che è l’amministrazione Pisapia, divenuta proprietaria dell’opera attraverso la donazione modale da parte dell’artista, che ha deciso di lasciarla in quella sede per i prossimi quaranta anni e di promuovere la festa alla quale ha partecipato l’assessore Boeri in rappresentanza della Giunta.

Intendiamoci, massimo rispetto all’opera, all’artista e alla decisione della collocazione magari definitiva in quella sede.

Quello che risulta essere di difficile comprensione è il comportamento di questa Giunta che da una parte elogia, celebra e promuove una creazione artistica dal significato esplicito, dall’altra mette nelle mani di quel mondo, la Borsa, un patrimonio pubblico come la SEA attraverso la sua quotazione al quale iter si è arrivati con una delibera del Consiglio Comunale molto travagliata e per nulla chiara appesantita anche da una inchiesta della Magistratura per turbativa d’asta relativa alla recente acquisizione da parte del fondo F2i del 29,75% dell’Azienda.

Il dovere di questa Giunta dovrebbe essere quello di chiarire alla città le motivazioni che hanno portato a queste decisioni divergenti tra loro.

Cosa si pensa di porgere alla Borsa, il dito medio o la SEA su di un piatto d’argento?

Nella seconda ipotesi sarebbe opportuno spostare L.O.V.E. di fronte a palazzo Marino a dimostrazione di quello che pensa la Borsa del bene pubblico, dei cittadini e dei lavoratori.

Milano, 22.10.2012

 

Segreteria Regionale FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi

STRUTTURE REGIONALI

PATRONATO

PATRONATO - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Linate

CAF Linate - FLAI Trasporti e Servizi

CAF Malpensa

CAF Malpensa - FLAI Trasporti e Servizi

EBILAV TERZIARIO

EBILAV TERZIARIO - FLAI Trasporti e Servizi

FLAI Trasporti e Servizi