Home » Ultime Notizie » Milano, 14 maggio 2014 - SEA Handling -

Milano, 14 maggio 2014 - SEA Handling -

Milano, 14 maggio 2014 - SEA Handling - - FLAI Trasporti e Servizi

I lavoratori di SEA Handling respingono le Ipotesi di
accordo 4/6/2014


Il referendum tenutosi nei giorni 11 -12 -13 Giugno ha respinto le ipotesi di accordo del 04/06/2014
sottoscritte da FILT-CGIL FIT-CISL UIL-Trasporti UGL-Trasporti FLAI-TS e successivamente da USB. :

Linate : Voti validi 413 Si 223 (54%) No 190 (46%)
Malpensa Voti validi 1217 Si 463 (38%) No 754 (62%)
Totale : Voti Validi 1630 Si 686 (42%) No 944 (58%)

Rimaniamo convinti che i contenuti di tali accordi definissero le migliori condizioni possibili dentro al
fallimento di Sea Handling e nella situazione determinata dalla sanzione della Commissione Europea. Una trattativa complessa e un risultato ottenuto grazie alle mobilitazioni e ad una posizione comune con tutti i soggetti in campo (Azienda, Comune, Azionisti e Governo) attorno ad obbiettivi importanti.

Tali ipotesi infatti avrebbero garantito:

1. La totale salvaguardia occupazionale (incentivo all’esodo, trasferimenti in Sea Spa, garanzia
occupazione in Airport Handling);
2. Il mantenimento dell'attività di handling all'interno del gruppo SEA;
3. Sostanziale difesa della retribuzione , delle normative e del welfare provenienti dalla
contrattazione storica del gruppo SEA, migliorativi del CCNL nella misura massima al fine di
garantire la sostenibilità economica della nuova azienda non più ricapitalizzabile da Sea.

Le Organizzazioni Sindacali firmatarie hanno chiamato i lavoratori al voto e sono tenute a rispettarne il
giudizio. Quelle ipotesi di accordo non esistono più.
La bocciatura però non supera e non rimuove tutti i drammatici problemi che erano presenti. Lo
scenario e le decisioni che potranno essere assunte da tutti i soggetti coinvolti nella vicenda Sea Handling, non sono ora prevedibili.
Coloro che hanno sostenuto il “no” si sono assunti una pesante responsabilità. Con tale epilogo infatti
diventa estremamente complesso trovare una soluzione che eviti le conseguenze drammatiche
che il nostro accordo voleva scongiurare .
A chi ha sostenuto il “sì”: a tutti i nostri attivisti, alle RSU e a tutti i lavoratori che attraverso il voto hanno  sostenuto l’accordo, esprimiamo il nostro ringraziamento per il lavoro svolto in situazioni difficili ed  esasperate anche dalle minacce rivolte ai rappresentanti sindacali negli ultimi mesi.