Home » Ultime Notizie » Milano, 11 luglio 2014 - Alha -

Milano, 11 luglio 2014 - Alha -

Milano, 11 luglio 2014 - Alha - - FLAI Trasporti e Servizi

COMUNICATO LAVORATORI ALHA

 

La realtà aeroportuale, complessivamente intesa, sta attraversando una fase molto importante e delicata, al termine della quale sarà più facile comprendere le dinamiche che regolamenteranno ciò che accadrà negli scali italiani ed in particolar modo nei siti di Malpensa e Linate.

 

Dal 1 Luglio MLE ha messo in campo una nuova offerta per le compagnie Cargo, proponendo ai vettori aerei un pacchetto di attività definito di “full handling”, combinando attività tradizionali di magazzino con attività di piazzale (carico e scarico aeromobili, rampa e bilanciamento).

 

Ci domandiamo di conseguenza come si porrà ALHA di fronte a questo nuovo scenario. Seguirà lo schema offerto da MLE, ampliando le attività a oggi svolte oppure no?

 

La tipologia di offerta in “full handling” proposta da MLE, è costruita, a quanto dicono, attraverso una società satellite chiamata B3, un’organizzazione definita in gergo “MATRIOSCA”, all’interno della quale non sai mai quando arriverai alla bambolina più piccola e tutta intera, senza mai comprendere dove inizia e dove finisce la responsabilità della committenza.Ma come impatterà su ALHA AIRPORT?

 

Come inciderà complessivamente sulle società tradizionali di handling questa tipologia di offerta pluricomposta, che dicono, addirittura, comprenda anche proposte di assistenza ai vettori in combinata MLE/AVIA PARTNER?

 

Domande assolutamente legittime, in uno scenario continuamente in trasformazione, con nuovi handler cargo pronti a entrare per gestire quote significative di attività, sia a Linate sia a Malpensa, dove, in assenza di un mercato regolamentato e controllato, tutto ciò potrebbe tradursi in un sistema di precariato con scarsa sicurezza e bassa qualità.

 

Diciamo subito senza indugi che la FLAI ha già coinvolto ENAC, nel tentativo di comprendere quali saranno le verifiche che l’ente di controllo effettuerà, affinché sia garantito un servizio di qualità e di sicurezza, con attrezzature idonee, con personale debitamente formato e aggiornato in un ambito di applicazione di contratti di lavoro del trasporto aereo e non di cooperativa.

 

Abbiamo chiesto ad ALHA AIRPORT un incontro per comprendere meglio queste nuove dinamiche di prodotto che andranno inevitabilmente a impattare sull’assistenza ai voli al cargo e non solo, con un’organizzazione del lavoro che potrebbe profondamente mutare.

 

Sul versante contrattuale, crediamo che con la definizione della spinosa vicenda di SEA Handling e la costituzione della new-co Airport Handling oramai imminente, ci saranno tutti i presupposti per rinnovare il CCNL (contratto nazionale) Assohandler, per cui possiamo quindi affermare con ragionevole certezza che il rinnovo ci sarà entro il mese di dicembre.

 

Chiederemo inoltre come intende muoversi ALHA sull'eventuale rinnovo della Cassa Integrazione e delle tempistiche più precise in merito al confronto sul CIA (contratto integrativo aziendale), impegno sul quale l’azienda non può sottrarsi.

 

La FLAI, lancia infine un invito in ALHA, affinché tutti si adoperino al fine di ricercare e mantenere costantemente quell'equilibrio necessario al mantenimento di un buon rapporto umano e professionale, a ogni livello, caratteristica fondamentale di tutte le aziende che hanno l'umiltà di riconoscere che per accrescere e sviluppare la loro attività sia imprescindibile investire anche nella gestione del personale, soprattutto ora, dove operare risulta sempre più difficile e complicato in un sistema sempre più articolato e in continuo movimento.

 

Malpensa, 11 Luglio 2014

 

 

 

RSA F.L.A.I. Trasporti e Servizi