Home » Ultime Notizie » 12 marzo 2012 ore 14:43

12 marzo 2012 ore 14:43

COMUNICATO STAMPA

L’organizzazione sindacale FLAI Trasporti e Servizi ribadisce la propria contrarietà alla cessione di ulteriori quote SEA e non potrebbe essere altrimenti visto che eravamo contrari anche alla vendita del primo 30%.

Come lavoratori, cittadini e contribuenti difendiamo la SEA da chi se ne vuole impadronire (una cordata di banche) per interessi puramente egoistici in modo sproporzionato in quanto gli aeroporti milanesi, rappresentano una ricchezza per tutta la città.

Critichiamo la Giunta Pisapia che vuole alienare un bene collettivo come la SEA attraverso forzature che tradiscono il mandato elettorale in quanto il programma di Pisapia non prevedeva la vendita di SEA.

Contestiamo con forza la giunta Pisapia su questa scelta perché sta distruggendo ciò che è stato costruito nel corso di 60 anni sia da quegli amministratori lungimiranti del Comune di Milano, che nel 1955 fondarono la SEA, che dalle diverse generazioni di lavoratori. Perciò rivendichiamo come lavoratori, cittadini e contribuenti che gli attuali amministratori del Comune non devono alienare un bene collettivo così importante ma amministrarlo per custodirlo e valorizzarlo.

Ricordiamo che il valore della SEA era esattamente il doppio ai tempi di Albertini, perché oggi vale la metà? E perché si cerca di venderla ora nel momento in cui sono bloccati, per il quarto anno consecutivo, gli slot che se venissero invece liberalizzati farebbero crescere notevolmente il valore dell’azienda?

Informiamo i cittadini che la SEA, oltre a fare utili potrebbe generare ancora altri grandi profitti, circa 250 milioni l’anno, appena l’Accordo di Programma, che riguarda gli adeguamenti tariffari per gli aeroporti, sarà realizzato. Perché regalare questi soldi della collettività a soggetti privati?

Al Comune di Milano in quanto maggior azionista di SEA chiediamo:

· il mantenimento della quota del 51% di SEA

· che il Comune si impegni in modo deciso per le liberalizzazioni degli slot su Linate e Malpensa nei confronti del Governo.

· il rilancio del Piano Industriale attraverso la valorizzazione di tutti i settori dell’azienda per la creazione di nuovi posti di lavoro.

· il mantenimento del settore handling come attività portante del sistema aeroportuale sul modello di Francoforte.

· la costituzione dei Consigli di Sorveglianza sul modello tedesco dove sono presenti anche i lavoratori per condividere le scelte e le strategie aziendali.

· che sia distribuito il 3% dell’attuale pacchetto azionario del Comune, ora al 54%, ai cittadini e ai lavoratori attraverso un progetto innovativo di partecipazione.

· chiediamo un confronto continuativo tra organizzazioni sindacali e Comune per monitorare il processo di sviluppo della SEA

Milano, 12/3/2012

Segreteria Regionale e coordinamenti Linate e Malpensa

FLAI Trasporti e Servizi